Seminari CPD - Mediation A.R.R.C.A. srl

Vai ai contenuti

Seminari CPD

FORMAZIONE
 

LA PEDAGOGIA DELLA MEDIAZIONE
MEDIAZIONE COME COMUNICAZIONE EFFICACE


La pedagogia della mediazione è un modello elaborato a partire dall'osservazione dell’attività educativa che si attua all'interno di un gruppo sociale. Studiosi come Vygotskij, Bruner, Piaget, Feuerstein (e più avanti Gardner, Gagné, Edelman, Engelstrom, fino a Damasio, Rizzolatti e Margiotta) hanno individuato - ciascuno nel proprio ambito di ricerca - le interazioni sociali, personali e ambientali che favoriscono l'apprendimento delle persone, sia dei bambini e degli adolescenti, sia degli adulti e degli anziani.
 
Per mediazione si intende la possibilità che un adulto, genitore, educatore, terapista o formatore ha di organizzare, prevedere e analizzare le interazioni necessarie all'educabilità cognitiva dei discenti. Il “MEDIATORE” agisce in modo che tutte le informazioni divengano conoscenze: ciò significa che offre ai discenti la possibilità di imparare a interpretare, organizzare e strutturare le informazioni ricevute dall'ambiente e, di conseguenza, la possibilità di rendersi autonomi nell'apprendimento e di adattarsi, con flessibilità, a tutte le situazioni nuove. La mediazione però non è soltanto una modalità di interazione che produce ristrutturazione cognitiva, bensì anche una modalità di comunicazione positiva, sia all'interno di un sistema gerarchicamente costituito, sia nelle relazioni tra pari. Una comunicazione mediata permette a tutti gli elementi di un sistema di stabilire relazioni non soltanto funzionali, ma soprattutto strutturali. Di conseguenza, gli individui diventano capaci di ristrutturare permanentemente le condizioni variabili della loro attività, adeguandole alle trasformazioni dell'insieme. La pedagogia della mediazione diventa dunque pedagogia del processo di comunicazione, che si fa più ricco e intenzionale.
 
In sintesi, la mediazione offre i mezzi necessari a sviluppare:
  • l'analisi delle relazioni all'interno di un sistema determinato dall'individuo
  • l’analisi dei prerequisiti funzionali che permettono l'assimilazione di informazioni
  • i criteri di mediazione, ovvero quei comportamenti che favoriscono le interazioni, sviluppando la capacità di apprendimento e la dinamica della comunicazione
  • l'analisi degli strumenti utili per insegnare, imparare o comunicare
  • la capacità di creare i propri supporti di assimilazione o di comunicazione



PROGRAMMA

  • Mediazione: definizione, aspetti, strategie
  • Mediazione didattica
  • Focus sull’ascolto
  • Casi proposti dai corsisti/ attività pratica
  • Discussione e sintesi
         
 
A cura di Fiorella Castelnuovo e Carmen De Sanctis
Torna ai contenuti