MF E LA SANITA' - Mediation ARRCA

MEDIATION ARRCA
MEDIATION ARRCA
Vai ai contenuti
IL MEDOTO FEUERSTEIN E LA SANITA'

Reuven Feuerstein innanzi tutto rifugge da una logica classificatoria, che definisca in termini negativi le prestazioni del bambino: per lui non esistono sigle (BES, DSA, ADHD), ma bambini che imparano e bambini che hanno difficoltà a imparare. Di questi ultimi evita di stilare lunghi elenchi di ciò che non sanno fare, ma si chiede quali sono i loro punti di forza – tutti ne hanno – e soprattutto che cosa può fare il terapista/l’insegnante per utilizzarli al fine di superare gli evidenti disfunzionamenti.

La formazione al PAS fornisce due ordini di competenze, distinte tra loro concettualmente, ma integrate nella pratica di un processo terapeutico-riabilitativo:

una competenza pedagogico-relazionale, più generale, implicata non solo nel rapporto con il bambino e la famiglia, ma anche nelle relazioni orizzontali e verticali che si stabiliscono all’interno del sistema. Punto focale del metodo Feuerstein è il ruolo che l’adulto – genitore, insegnante, educatore piuttosto che terapista o operatore sanitario – è in grado di svolgere per promuovere il processo di cambiamento. Egli ha la responsabilità di accertarsi che esistano tutte quelle condizioni che renderanno possibile la modificazione auspicata. Coerentemente con questa premessa, il metodo Feuerstein si propone quindi di trasmettere un complesso apparato pedagogico-relazionale grazie al quale l’adulto-mediatore diventa capace di comunicare in modo assai più funzionale ed efficace rispetto all’obiettivo prefissato;

una competenza cognitiva, più specialistica, che permette di progettare, monitorare, modificare e realizzare un percorso terapeutico-riabilitativo. Una volta stabilito un clima di comunicazione positiva, l’adulto mediatore si avvale di strumenti metodologici per produrre modificazioni nella struttura cognitiva del soggetto di cui si occupa.
Se questa seconda competenza riguarda nello specifico l’intervento del terapista/insegnante, la prima può invece coinvolgere per la sua valenza olistica tutte le professionalità del settore sanitario.

I materiali del PAS Standard, organizzati in 14 eserciziari detti Strumenti, sono adatti a soggetti che presentano difficoltà di apprendimento a partire dal 2° ciclo di scuola primaria. Gli esercizi devono essere mediati da un applicatore PAS e possono essere svolti in piccolo gruppo o all’interno di un intervento individuale.
La formazione degli applicatori è ripartita in tre livelli; al termine di ciascun livello il corsista è abilitato a utilizzare i relativi strumenti. Durata dei corsi di formazione: 48 ore per ciascun livello. I corsi, per consentire un livello ottimale di interattività, sono a numero chiuso (massimo 25 partecipanti).
Il programma dei corsi prevede una parte teorica e una parte pratica, che consiste nell'esecuzione in situazione di simulazione degli esercizi del PAS. In piccoli gruppi, che consentono un alto livello di interattività, si alternano momenti di lavoro individuale e di elaborazione collettiva, sotto la guida del formatore, che coinvolge i corsisti nella definizione del problema, nell'analisi delle strategie utilizzate per risolverlo, nella partecipazione a proposte di soluzione il più possibile numerose e divergenti.

I materiali del PAS Basic sono organizzati in 12 eserciziari detti Strumenti, che consistono in esercizi carta-matita focalizzati su specifiche aree cognitive. Sono adatti a soggetti con funzionamento cognitivo di base o in età prescolare; soggetti a rischio, per prevenire possibili difficoltà di apprendimento; soggetti che necessitano di riabilitazione cognitiva. All'interno del PAS Basic è forte l'attenzione agli aspetti affettivi ed emozionali dell'apprendimento.
La formazione è ripartita in due livelli; al termine di ciascun livello il corsista è abilitato a utilizzare i relativi Strumenti.

E’ possibile iniziare il percorso formativo del Metodo Feuerstein partendo sia dal PAS Standard, sia dal PAS Basic. La scelta deve essere fatta in base alle caratteristiche dell’utenza con cui si lavora, tenendo conto in particolare della fascia di età e del livello di funzionamento cognitivo. Il PAS Standard presenta materiali utilizzabili con bambini dai 7-8 anni, preadolescenti e adolescenti con difficoltà di apprendimento. Il PAS Basic è più adatto a bambini in età prescolare e a soggetti con funzionamento cognitivo di base o, più in generale, a chi necessita di riabilitazione cognitiva.

Destinatari
Ai corsi possono accedere due categorie di partecipanti:
applicatori professionali, ossia coloro che intendono applicare il metodo in un contesto professionale (es.: insegnanti, pedagogisti, educatori professionali, psicologi, logopedisti, terapisti della riabilitazione, medici, operatori socio-sanitari)
applicatori non professionali, ossia coloro che intendono avviare un percorso di crescita personale o applicare il metodo nel contesto familiare

Obiettivo
Formare Applicatori PAS, ossia sviluppare la capacità di costruire una corretta relazione di apprendimento, attraverso la quale stimolare la modificabilità cognitiva del discente per produrre nelle sue prestazioni cambiamenti significativi e stabili nel tempo.

Formatori
Tutti i componenti dell’Equipe di formazione di Mediation A.R.R.C.A. sono certificati come Trainer PAS dall’Istituto Feuerstein di Gerusalemme.

Metodologia
In piccoli gruppi, che consentono un alto livello di interattività, si alternano momenti di lavoro individuale e di elaborazione collettiva, sotto la guida del formatore che coinvolge i corsisti nella definizione del problema, nell’analisi delle strategie utilizzate per risolverlo, nella partecipazione a proposte di soluzione il più possibile numerose e divergenti.

Materiale didattico
Ai partecipanti vengono forniti gli Strumenti studiati nel corso, una dispensa e una guida applicativa.

Applicatori professionali: Certificato di Mediatore PAS
Dal 1° luglio 2012 coloro che hanno frequentato proficuamente un corso PAS ricevono dall'Istituto Feuerstein di Gerusalemme un CERTIFICATO DI MEDIATORE PAS (Certificate of Instrumental Enrichment Mediator), che autorizza all'applicazione degli Strumenti studiati; è valido 4 anni dalla data del rilascio e il suo rinnovo è condizionato dal cosiddetto "training di rinnovo" (CPD: Continuous Professional Development).

Dal 2017 il percorso CPD è così modificato:
1. Il corsista, non appena riceve il certificato da Israele, deve iscriversi al CPD http://cpdit.icelp.info
2. Terminate le prime 30 ore di applicazione, deve compilare il Rapporto di applicazione online all’indirizzo internet
http://www.123contactform.com/form-966903/IE-Implementation-Report-Italian
Deve essere compilato una sola volta per ogni certificato posseduto
3. Il corsista deve conseguire nei 4 anni di validità del certificato 6 crediti CPD, conseguibili con tre diverse modalità (in alternativa):
  • Partecipando a 2 conferenze CPD on-line ogni anno, per un totale di 6 conferenze
  • Frequentando una volta all’anno seminari CPD organizzati da un Centro di Formazione Autorizzato locale, per un totale di 3 seminari. Ogni seminario avrà durata di almeno 4 ore
  • Frequentando ulteriori 3 corsi PAS
I titolari di certificati che soddisfano i requisiti del CPD riceveranno certificati PERMANENTI (senza data di scadenza) per tutti i corsi fatti durante i 4 anni.

Prima dell'inizio di un corso i partecipanti devono sottoscrivere una dichiarazione di accettazione delle condizioni di cui sopra.

I diplomi/attestati/certificati conseguiti entro il 30 giugno 2012 sono validi a tempo indeterminato. I possessori non sono quindi tenuti a seguire il percorso CPD.

Applicatori non professionali
Al termine del corso ricevono un ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE, che li abilita all'uso degli Strumenti e al loro acquisto unicamente ad uso personale o famigliare.

Crediti E.C.M. per tutte le professioni sanitarie.

Sedi dei corsi
Mediation A.R.R.C.A. organizza annualmente sessioni di formazione nelle città di Torino, Milano e Roma. Su richiesta può intervenire presso la sede della Committenza.
Torna ai contenuti